La regolamentazione degli e-liquids in Grecia

2021-01-15T14:36:09+00:00 dicembre 11th, 2020|Mondo, Normative|0 Commenti
Reading Time: 2 mins

Nel 2019 e nel 2020 la legislazione greca sulle sigarette elettronica e sui liquidi con e senza nicotina ha subito delle significative revisioni. La situazione aggiornata a Gennaio 2021 con le risposte delle Autorità.

In precedenza, vi era poca chiarezza soprattutto sui liquidi senza nicotina: dal punto di vista normativo, erano regolati da una legge del 2008 che ne vietava la circolazione a meno che non avessero particolari autorizzazioni.

Poiché la TPD, recepita con la legge 4419-2016, non norma gli zero ma solo i liquidi contenenti nicotina, i liquidi a zero sono rimasti formalmente illegali fino al 2019.

La legge 4600-2019, teoricamente in vigore da Aprile 2020, li ha posti sotto TPD, equiparandoli sostanzialmente ai liquidi con nicotina per notifica, requisiti di imballaggio ed etichettatura etc. Ad oggi non risulta esserci ancora conferma dell’effettiva applicazione. Aggiornamento: nel mese di Gennaio 2021, l’Autorità ha specificato agli esperti TRUSTiCERT che i liquidi senza nicotina venduti come contenitori di ricarica non devono essere notificati; al contrario, devono essere notificati i liquidi senza nicotina venduti in kit con e-cig o con contenitori di ricarica con nicotina.

La legge 4715/2020, in vigore da Agosto 2020, istituisce un comitato di controllo che ha compito di monitorare la conformità dei prodotti registrati su EU-CEG per il mercato greco, richiedendo quando opportuno informazioni ulteriori ai produttori/importatori. Dopo 6 mesi dalla notifica su EU-CEG i prodotti entrano comunque sul mercato, indipendentemente che la valutazione della Commissione monitoraggio sia o meno terminata.

La stessa legge specifica il divieto di vendita scomposta di “ingredienti, compresi i profumi, destinati alla produzione interna di liquidi di ricarica per sigarette elettroniche. Sono esclusi dal divieto di cui sopra gli ingredienti che sono disponibili per un uso diverso dal consumo di liquido di ricarica per sigarette elettroniche.”

Nella normativa corrente non si ritrovano infine divieti di vendita relativi ai prodotti shake and vape.