Etichette per e-liquids: guida rapida agli elementi obbligatori

2020-01-31T10:38:49+00:00 novembre 24th, 2019|Guide pratiche, Normative|0 Commenti
Reading Time: 2 mins

TPD, CLP, Codice del Consumo, requisiti locali…quali sono le informazioni ad oggi obbligatorie da inserire in etichetta negli e-liquid con e senza nicotina per essere conformi a tutte le normative che regolano i prodotti da vaping in UE?

Liquidi con nicotina

Per i liquidi con nicotina, devono obbligatoriamente essere indicate in etichetta le seguenti informazioni:

  • contenuto di nicotina (in mg/ml);
  • quantità di nicotina rilasciata per dose (mg/10ml);
  • avvertenza per la salute (con caratteristiche grafiche precise per font e dimensione; ad es: copre il 30% della superficie, percentuale innalzata al 32% per gli Stati Membri con due lingue ufficiali e al 35% per quelli con più di due lingue ufficiali); in alcuni Stati Membri è richiesta anche per gli zero nicotina;
  • raccomandazione che inviti a tenere il prodotto fuori dalla portata dei bambini;
  • lista completa degli ingredienti superiori allo 0.1% (peso/peso), elencati in ordine decrescente di peso;
  • raccomandazione sullo smaltimento;
  • le indicazioni di pericolo, i pittogrammi con la relativa avvertenza, i consigli di prudenza e il triangolo tattile, se la miscela risulta pericolosa secondo il Regolamento CLP;
  • dati di produttore/fornitore (nome, indirizzo e numero di telefono);
  • numero di lotto.

Il testo dev’essere indicato nella lingua ufficiale dello Stato Membro (più d’una, in alcuni Stati).

Liquidi a nicotina zero

Diversi gli obblighi per i prodotti senza nicotina, per i quali devono essere riportati:

  • raccomandazione che inviti a tenere il prodotto fuori dalla portata dei bambini;
  • raccomandazione sullo smaltimento;
  • le indicazioni di pericolo, i pittogrammi con la relativa avvertenza, i consigli di prudenza e il triangolo tattile, se la miscela risulta pericolosa secondo il Regolamento CLP;
  • istruzioni e precauzioni d’uso;
  • dati di produttore/fornitore (nome, indirizzo e numero di telefono);
  • numero di lotto.

È importante ricordare che in alcuni Stati i prodotti senza nicotina sono assimilati a quelli con nicotina, pertanto l’etichettatura deve essere rispondente ai requisiti TPD e deve quindi includere, in aggiunta ai precedenti elementi:

  • avvertenza per la salute, secondo le stesse specifiche precedentemente indicate;
  • lista completa degli ingredienti superiori allo 0.1% (peso/peso), elencati in ordine decrescente di peso.

Verifica della conformità

Tutto così semplice? Naturalmente no…i vari Stati Membri possono avere richieste specifiche in merito all’etichettatura e normative nazionali aggiuntive. Il quadro normativo può cambiare rapidamente ed in modo indipendente tra gli Stati.

E’ possibile indicare anche una serie di elementi non obbligatori, ma che possono avere particolare appeal verso i consumatori. Per contro, ci sono informazioni che non possono essere utilizzate nel label di un prodotto.

E’ quindi sempre consigliabile un controllo professionale sulla conformità delle etichette, sia per prodotti già sul mercato che per lanci in nuovi mercati nazionali. Il packaging infatti è la prima interfaccia con il consumatore, ma anche con le Autorità di controllo.

Contattaci per verificare le tue etichette o per progettare insieme quelle per nuovi mercati o per nuovi prodotti.